Home > Missione 2014

PROGETTO PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLE SORDITÀ INFANTILI

MISSIONE UMANITARIA 2014

foto_missione14 Ad Arequipa il dr. Ferretti ha lavorato presso il reparto ORL dell’Hospital Regional Honorio Delgado, affiancato dalla otorinolaringologa dr.ssa Flor de Maria Chamby, visitando e sottoponendo ad esami audiometrici molti bambini, già nei mesi precedenti selezionati dalla dr. Chamby. Al termine delle intense giornate di lavoro, sono stati protesizzati cinque piccoli pazienti, tutti bilateralmente, con l’applicazione di un totale di 10 protesi acustiche. E’ stato inoltre avviato il programma di rieducazione acustico verbale per l’acquisizione del linguaggio orale con la logopedista Carol Salas, che lavorerà con i bimbi protesizzati presso il Collegio CEBE Polivalente di Arequipa. Hector Sommerkamp ha lavorato alla organizzazione del Progetto. A Piura il dr. Ferretti ha visitato molti bambini, sottoponendoli ad esami audiometrici, presso il Collegio Nuestra Senora de la Paz, con cui l’ACIP collabora fin dall’inizio del progetto. Al termine delle giornate di lavoro, sono stati protesizzati sette nuovi pazienti, cinque bilateralmente e due monolateralmente, con l’applicazione di un totale di 12 protesi acustiche. E’ stato avviato, inoltre, il programma di rieducazione acustico verbale per l’acquisizione del linguaggio orale con la logopedista Anita Pingo, che già segue i bambini selezionati negli anni precedenti e con ottimi risultati. Hector Sommerkamp si è occupato di tutta l’organizzazione e lo sviluppo del Progetto A Lima il dr. Ferretti ha lavorato presso il CPAL visitando tutti i bambini seguiti dal Centro.

Resoconto missioni I° semestre 2014

A marzo ad Arequipa, presso il reparto otorino dell’ospedale regionale Honorio Delgado, la dr.ssa Flor de Maria Chamby ed il dr Riccardo Ferretti dell’ACIP hanno condotto una campagna gratuita di esami audiometrici e test psicoattitudinali per reclutare bambini sordi da inviare al Colegio Polivalente, centro che l’ACIP aveva scelto per riqualificare la riabilitazione audioverbale. Sono stati visitati una novantina di bambini ma ne sono stati scelti solo 6 in base alle caratteristiche della sordità, e alla disponibilità dei genitori di iscrivere i bambini al collegio. Alla dr.ssa Chamby in precedenza l’ACIP aveva offerto uno stage presso il CPAL (Centro Peruano de Audicion, Lenguaje y Aprendizaje) di Lima per migliorare le sue abilità audiologiche. Ai bambini selezionati abbiamo applicato protesi acustiche Widex. Nel collegio si stanno effettuando alcune modifiche dei locali in cui soggiorneranno i bambini per consentire un insegnamento più raccolto e meno contaminato da rumori esterni che possono interferire nella comprensione dei messaggi verbali durante le lezioni. La terapista del linguaggio sig.na Carol Salas ha già iniziato l’organizzazione del lavoro secondo lo schema adottato nel collegio di Piura: preparazione delle insegnanti del collegio, colloqui con i genitori, organizzazione di piccole classi di bambini a seconda dell’età.
Per completezza riportiamo di aver avuto moltissimi colloqui con personalità politiche di Arequipa che ci hanno aiutato e promesso il loro supporto in futuro.

Anche quest’anno il progetto “Sordera Infantil en Perù- prof dr Edoardo Arslan” ha potuto contare sulla collaborazione di Widex Danimarca e, in Perù, di Panadex.
Abbiamo protesizzato con protesi Widex 27 nuovi bambini appartenenti al CPAL di Lima e ai collegi Nuestra Senora de la Paz di Piura e Polivalente di Arequipa.

Dal lato strumentale abbiamo donato all’ospedale Delgado di Arequipa un audiometro Madsen Xeta con l’obiettivo di ripetere periodicamente i test audiologici ai bambini del Colegio Polivalente e di fare anche uno screening di bambini sordi della città.
Inoltre abbiamo regalato 2 deumidificatori per protesi acustiche al collegio di Piura ed al collegio di Arequipa.

Dal lato scientifico vi sono state numerose iniziative tutte volte a migliorare le conoscenze audiologiche di base, pratico-diagnostiche e tecnologiche dei sanitari operanti nel campo delle sordità. Lo scopo era anche di valutare l’interesse e la realizzabilità di un insegnamento universitario di Audiofonologia . Insegnamento che non è ancora previsto in Perù e di cui il Paese avrebbe estremo bisogno per preparare tecnici e far decollare i progetti di screening neonatale approvati dal governo recentemente, e per favorire una svolta nella riabilitazione dei bambini sordi che è ora affidata quasi esclusivamente a metodi di insegnamento con linguaggio dei segni.
L’avvenimento più importante è stato, ai primi di luglio, il I° Curso internacional de Audiologia, Foniatria y Fonoaudiologia organizzato dal dr Fernando Salazar e la prestigiosa università Cayetano Heredia, con la collaborazione dell’ACIP. Al corso assieme a relatori medici peruviani hanno partecipato il prof Pedro Berruecos, padre dell’audiologia di Città del Messico e past-president della Sociedad Panamericana de Audiologia, ed il dr Silvano Prosser, medico audiologo dell’Università di Ferrara. I temi trattati nel corso sono stati molteplici, dall’epidemiologia alle prevenzioni primaria, secondaria e terziaria delle sordità, dalle valutazioni neurofisiologiche delle sordità allo screening neonatale, dalla gestione dei soggetti sordi agli impianti cocleari, dalla sordità da rumore alla presbiacusia, dalla diagnostica dei disturbi del linguaggio al trattamento. Il corso ha suscitato grande interesse e vi hanno partecipato un centinaio di persone.

Nello stesso periodo il dr Silvano Prosser ha tenuto una serie di lezioni su tematiche audiologiche ad Arequipa, presso l’ospedale Delgado, per i medici otorino provenienti da vari ospedali della città e a Lima, presso il CPAL, per il personale dell’istituto e per medici otorino di Lima. In entrambe le occasioni ha riscosso molto successo e gli è stato chiesto di tenere in futuro altri corsi teorico-pratici di audiologia.

Programmi futuri

– Assistenza ai collegi di Piura ed Arequipa.
– Applicazione di protesi acustiche a bambini poveri da inserire nei 2 collegi.
– Individuazione di un’altra città dove implementare il medesimo metodo di insegnamento in modo che gradualmente il metodo riabilitativo audioverbale soppianti definitivamente quello del linguaggio dei segni.
– Organizzazione di atelier di audiologia teorico-pratici per otorinolaringoiatri e personale sanitario degli ospedali di Arequipa e Lima per insegnare le basi di audiologia, prendere dimestichezza con attrezzature tecnologiche (impedancemeter, OAE, BERA), organizzare lo screening neonatale.
– Collaborazione alla realizzazione di una scuola di Audiologia per personale sanitario non-medico.

N.B.

Il progetto da quest’anno è intitolato alla memoria del prof. Edoardo Arslan, padre dell’Audiologia italiana e riferimento di altissimo profilo a livello europeo. Il prof. Arslan, scomparso l’anno scorso, ha sostenuto il nostro progetto con grande entusiasmo ed è venuto in Perù con l’ACIP a tenere ilprimo >corso di audiologia mai realizzato nel Paese. Si è sempre battuto per la perfetta inclusione sociale dei bambini sordi e per il loro diritto a usufruire del più avanzato protocollo diagnostico abilitativo, al fine di acquisire una completa competenza linguistica.